giovedì, gennaio 31, 2008

Tecnologia del Consenso: Berlusconi e la TV (Parte 1/3)

Interessante! Però che accento!

lunedì, gennaio 28, 2008

Was Arne right? :o

The NYT just published one paper which let me think of my friend from Vega.
Way to go, Arne, there it is:

Rethinking the Meat-Guzzler

A SEA change in the consumption of a resource that Americans take for granted may be in store — something cheap, plentiful, widely enjoyed and a part of daily life. And it isn’t oil.

It’s meat.

The two commodities share a great deal: Like oil, meat is subsidized by the federal government. Like oil, meat is subject to accelerating demand as nations become wealthier, and this, in turn, sends prices higher. Finally — like oil — meat is something people are encouraged to consume less of, as the toll exacted by industrial production increases, and becomes increasingly visible.

Global demand for meat has multiplied in recent years, encouraged by growing affluence and nourished by the proliferation of huge, confined animal feeding operations. These assembly-line meat factories consume enormous amounts of energy, pollute water supplies, generate significant greenhouse gases and require ever-increasing amounts of corn, soy and other grains, a dependency that has led to the destruction of vast swaths of the world’s tropical rain forests.

Just this week, the president of Brazil announced emergency measures to halt the burning and cutting of the country’s rain forests for crop and grazing land. In the last five months alone, the government says, 1,250 square miles were lost.

The world’s total meat supply was 71 million tons in 1961. In 2007, it was estimated to be 284 million tons. Per capita consumption has more than doubled over that period. (In the developing world, it rose twice as fast, doubling in the last 20 years.) World meat consumption is expected to double again by 2050, which one expert, Henning Steinfeld of the United Nations, says is resulting in a “relentless growth in livestock production.”

Americans eat about the same amount of meat as we have for some time, about eight ounces a day, roughly twice the global average. At about 5 percent of the world’s population, we “process” (that is, grow and kill) nearly 10 billion animals a year, more than 15 percent of the world’s total.

Growing meat (it’s hard to use the word “raising” when applied to animals in factory farms) uses so many resources that it’s a challenge to enumerate them all. But consider: an estimated 30 percent of the earth’s ice-free land is directly or indirectly involved in livestock production, according to the United Nation’s Food and Agriculture Organization, which also estimates that livestock production generates nearly a fifth of the world’s greenhouse gases — more than transportation.

To put the energy-using demand of meat production into easy-to-understand terms, Gidon Eshel, a geophysicist at the Bard Center, and Pamela A. Martin, an assistant professor of geophysics at the University of Chicago, calculated that if Americans were to reduce meat consumption by just 20 percent it would be as if we all switched from a standard sedan — a Camry, say — to the ultra-efficient Prius. Similarly, a study last year by the National Institute of Livestock and Grassland Science in Japan estimated that 2.2 pounds of beef is responsible for the equivalent amount of carbon dioxide emitted by the average European car every 155 miles, and burns enough energy to light a 100-watt bulb for nearly 20 days.

Grain, meat and even energy are roped together in a way that could have dire results. More meat means a corresponding increase in demand for feed, especially corn and soy, which some experts say will contribute to higher prices.

This will be inconvenient for citizens of wealthier nations, but it could have tragic consequences for those of poorer ones, especially if higher prices for feed divert production away from food crops. The demand for ethanol is already pushing up prices, and explains, in part, the 40 percent rise last year in the food price index calculated by the United Nations’ Food and Agricultural Organization.

Though some 800 million people on the planet now suffer from hunger or malnutrition, the majority of corn and soy grown in the world feeds cattle, pigs and chickens. This despite the inherent inefficiencies: about two to five times more grain is required to produce the same amount of calories through livestock as through direct grain consumption, according to Rosamond Naylor, an associate professor of economics at Stanford University. It is as much as 10 times more in the case of grain-fed beef in the United States.

The environmental impact of growing so much grain for animal feed is profound. Agriculture in the United States — much of which now serves the demand for meat — contributes to nearly three-quarters of all water-quality problems in the nation’s rivers and streams, according to the Environmental Protection Agency.

Because the stomachs of cattle are meant to digest grass, not grain, cattle raised industrially thrive only in the sense that they gain weight quickly. This diet made it possible to remove cattle from their natural environment and encourage the efficiency of mass confinement and slaughter. But it causes enough health problems that administration of antibiotics is routine, so much so that it can result in antibiotic-resistant bacteria that threaten the usefulness of medicines that treat people.

Those grain-fed animals, in turn, are contributing to health problems among the world’s wealthier citizens — heart disease, some types of cancer, diabetes. The argument that meat provides useful protein makes sense, if the quantities are small. But the “you gotta eat meat” claim collapses at American levels. Even if the amount of meat we eat weren’t harmful, it’s way more than enough.

Americans are downing close to 200 pounds of meat, poultry and fish per capita per year (dairy and eggs are separate, and hardly insignificant), an increase of 50 pounds per person from 50 years ago. We each consume something like 110 grams of protein a day, about twice the federal government’s recommended allowance; of that, about 75 grams come from animal protein. (The recommended level is itself considered by many dietary experts to be higher than it needs to be.) It’s likely that most of us would do just fine on around 30 grams of protein a day, virtually all of it from plant sources .

What can be done? There’s no simple answer. Better waste management, for one. Eliminating subsidies would also help; the United Nations estimates that they account for 31 percent of global farm income. Improved farming practices would help, too. Mark W. Rosegrant, director of environment and production technology at the nonprofit International Food Policy Research Institute, says, “There should be investment in livestock breeding and management, to reduce the footprint needed to produce any given level of meat.”

Then there’s technology. Israel and Korea are among the countries experimenting with using animal waste to generate electricity. Some of the biggest hog operations in the United States are working, with some success, to turn manure into fuel.

Longer term, it no longer seems lunacy to believe in the possibility of “meat without feet” — meat produced in vitro, by growing animal cells in a super-rich nutrient environment before being further manipulated into burgers and steaks.

Another suggestion is a return to grazing beef, a very real alternative as long as you accept the psychologically difficult and politically unpopular notion of eating less of it. That’s because grazing could never produce as many cattle as feedlots do. Still, said Michael Pollan, author of the recent book “In Defense of Food,” “In places where you can’t grow grain, fattening cows on grass is always going to make more sense.”

But pigs and chickens, which convert grain to meat far more efficiently than beef, are increasingly the meats of choice for producers, accounting for 70 percent of total meat production, with industrialized systems producing half that pork and three-quarters of the chicken.

Once, these animals were raised locally (even many New Yorkers remember the pigs of Secaucus), reducing transportation costs and allowing their manure to be spread on nearby fields. Now hog production facilities that resemble prisons more than farms are hundreds of miles from major population centers, and their manure “lagoons” pollute streams and groundwater. (In Iowa alone, hog factories and farms produce more than 50 million tons of excrement annually.)

These problems originated here, but are no longer limited to the United States. While the domestic demand for meat has leveled off, the industrial production of livestock is growing more than twice as fast as land-based methods, according to the United Nations.

Perhaps the best hope for change lies in consumers’ becoming aware of the true costs of industrial meat production. “When you look at environmental problems in the U.S.,” says Professor Eshel, “nearly all of them have their source in food production and in particular meat production. And factory farming is ‘optimal’ only as long as degrading waterways is free. If dumping this stuff becomes costly — even if it simply carries a non-zero price tag — the entire structure of food production will change dramatically.”

Animal welfare may not yet be a major concern, but as the horrors of raising meat in confinement become known, more animal lovers may start to react. And would the world not be a better place were some of the grain we use to grow meat directed instead to feed our fellow human beings?

Real prices of beef, pork and poultry have held steady, perhaps even decreased, for 40 years or more (in part because of grain subsidies), though we’re beginning to see them increase now. But many experts, including Tyler Cowen, a professor of economics at George Mason University, say they don’t believe meat prices will rise high enough to affect demand in the United States.

“I just don’t think we can count on market prices to reduce our meat consumption,” he said. “There may be a temporary spike in food prices, but it will almost certainly be reversed and then some. But if all the burden is put on eaters, that’s not a tragic state of affairs.”

If price spikes don’t change eating habits, perhaps the combination of deforestation, pollution, climate change, starvation, heart disease and animal cruelty will gradually encourage the simple daily act of eating more plants and fewer animals.

Mr. Rosegrant of the food policy research institute says he foresees “a stronger public relations campaign in the reduction of meat consumption — one like that around cigarettes — emphasizing personal health, compassion for animals, and doing good for the poor and the planet.”

It wouldn’t surprise Professor Eshel if all of this had a real impact. “The good of people’s bodies and the good of the planet are more or less perfectly aligned,” he said.

The United Nations’ Food and Agriculture Organization, in its detailed 2006 study of the impact of meat consumption on the planet, “Livestock’s Long Shadow,” made a similar point: “There are reasons for optimism that the conflicting demands for animal products and environmental services can be reconciled. Both demands are exerted by the same group of people ... the relatively affluent, middle- to high-income class, which is no longer confined to industrialized countries. ... This group of consumers is probably ready to use its growing voice to exert pressure for change and may be willing to absorb the inevitable price increases.”

In fact, Americans are already buying more environmentally friendly products, choosing more sustainably produced meat, eggs and dairy. The number of farmers’ markets has more than doubled in the last 10 years or so, and it has escaped no one’s notice that the organic food market is growing fast. These all represent products that are more expensive but of higher quality.

If those trends continue, meat may become a treat rather than a routine. It won’t be uncommon, but just as surely as the S.U.V. will yield to the hybrid, the half-pound-a-day meat era will end.

Maybe that’s not such a big deal. “Who said people had to eat meat three times a day?” asked Mr. Pollan.


The article also does not forget to mention that the author:

Mark Bittman, who writes the Minimalist column in the Dining In and Dining Out sections, is the author of “How to Cook Everything Vegetarian,” which was published last year. He is not a vegetarian.

mercoledì, gennaio 23, 2008

Una lettera a Napolitano da Paolo Flores D'Arcais

Come non sottoscrivere?

"Caro Presidente

tempo fa, dovendo scriverti per invitarti ad una iniziativa di MicroMega, chiesi tramite il tuo addetto stampa se dovevo continuare ad usare il «tu» della consuetudine precedente la tua elezione, o se era più consono che usassi il «lei», per rispetto alla carica istituzionale. Poiché, tramite il tuo addetto stampa, mi facesti sapere che preferivi che continuassi a scriverti con il «tu», è in questo modo che mi rivolgo a te in questa lettera aperta, tanto più che, essendo una lettera critica, mi sembrerebbe ipocrisia inzuccherare la critica con la deferenza del «lei».

Il mio dissenso, ma si tratta piuttosto di stupore e di amarezza, riguarda la lettera di scuse che in qualità di Presidente, dunque di rappresentante dell'unità della nazione, hai inviato al Sommo Pontefice per l'intolleranza di cui sarebbe stato vittima. E' verissimo che di tale intolleranza, di una azione che avrebbe addirittura impedito al Papa di parlare nell'aula magna della Sapienza, anzi perfino di muoversi liberamente nella sua città, hanno vociato e scritto tutti i media, spesso con toni parossistici.

Ma è altrettanto vero che di tali azioni non c'è traccia alcuna nei fatti. La modesta verità dei fatti è che il magnifico rettore (senza consultare preventivamente il senato accademico, ma mettendolo di fronte al fatto compiuto, come riconosciuto dallo stesso ex-portavoce della Santa Sede Navarro-Vals in un articolo su Repubblica) ha invitato il Papa come ospite unico in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico (a cui partecipano in nome della Repubblica italiana il ministro dell'università e il sindaco di Roma), e che, avutane notizia dalla agenzia Apcom il professor Marcello Cini (gia dallo scorso novembre) e alcune decine di suoi colleghi (più di recente) hanno espresso per lettera al rettore un loro civilissimo dissenso.

Quanto agli studenti, nell'approssimarsi della visita alcuni di loro hanno espresso l'intenzione di manifestare in modo assolutamente pacifico un analogo dissenso, nella forma di ironici happening.
Il rettore Guarini ha comunque rinnovato al Papa l'invito, e tanto il Presidente del Consiglio Romano Prodi quanto il ministro degli Interni Giuliano Amato hanno esplicitamente escluso che si profilasse il benché minimo problema di ordine pubblico (malgrado la campagna allarmistica montata dal quotidiano dei vescovi italiani, «L'Avvenire», rispetto a cui le dichiarazioni di Prodi e Amato suonavano esplicita smentita). Nulla, insomma, impediva a Joseph Ratzinger di recarsi alla Sapienza e pronunciare nell'aula magna la sua allocuzione.

Di pronunciare, sia detto en passant e per amore di verità, il suo monologo, visto che nessun altro ospite contraddittore o «discussant» era previsto, e un monologo resta a tutt'oggi nella lingua italiana l'opposto di un dialogo, checchè ne abbia mentito l'unanime coro mediatico-politico (che di rifiuto laicista del dialogo continua a parlare), a meno di non ritenere che tale opposizione, presente ancora in tutti i dizionari in uso nelle scuole, sia il frutto avvelenato del già stigmatizzato complotto laicista.

Tutto dunque lasciava prevedere che la giornata si sarebbe svolta così: mentre Benedetto XVI pronunciava il suo monologo nell'aula magna, tra il plauso deferente dei presenti (e in primo luogo del ministro Mussi e del sindaco Veltroni), ad alcune centinaia di metri di distanza alcuni professori di fisica avrebbero tenuto un dibattito sui rapporti tra scienza e fede esprimendo opinioni decisamente diverse da quelle del regnante Pontefice, e ad altrettanta debita distanza qualche centinaio di studenti avrebbe innalzato cartelli di protesta e maschere ironiche. Ironia che può piacere o infastidire, esattamente come le vignette contro il profeta Maometto, ma che costituisce irrinunciabile conquista liberale.

Dove sta, in tutto ciò, l'intolleranza? E addirittura la prevaricazione con cui si sarebbe messo al Papa la mordacchia (secondo l'happening inscenato in aula magna dagli studenti di Comunione e liberazione)?

A me sembra che intolleranza - vera e anzi inaudita - sarebbe stato vietare ad un gruppo di docenti di discutere in termini sgraditi ai dogmi di Santa Romana Chiesa, e ad un gruppo di studenti di manifestare pacificamente le loro opinioni, ancorché in forme satiricamente irridenti. Se anzi di tali divieti si fosse solo fatto accenno da parte di qualche autorità, credo che un numero altissimo di cittadini si sarebbe sentito in dovere di rivolgersi a te quale custode della Costituzione, con toni di angosciata preoccupazione per libertà fondamentali messe così platealmente a repentaglio. Ma, per fortuna (della nostra democrazia), nessun accenno del genere è stato fatto.

Il Sommo Pontefice non era di fronte ad alcun impedimento, dunque. Ha scelto di non partecipare perché evidentemente non tollerava che, pur avendo garanzia di poter pronunciare quale ospite unico il suo monologo in aula magna, nel resto della città universitaria fossero consentite voci di dissenso, anziché risuonare un plauso unanime.
Non è, questa, una mia malevola interpretazione, visto che sono proprio gli ambienti vaticani ad aver riferito che il Papa preferiva rinunciare a recarsi in visita presso una «famiglia divisa» (cioè il mondo accademico e studentesco della Universitas studiorum, la cui quintessenza istituzionale è però proprio il pluralismo delle opinioni). Ma pretendere quale conditio sine qua non per la propria partecipazione un plauso unanime non mi sembra indice di propensione al dialogo bensì, piuttosto, di vocazione totalitaria.

Non vedo dunque per quale ragione tu abbia ritenuto indispensabile, a nome di tutta la nazione di cui rappresenti l'unità, porgere al Papa quelle solenni scuse. Che ovviamente, data la tua autorità, hanno fatto il giro del mondo. Se c'è qualcuno che aveva diritto a delle scuse, semmai, è il gruppo di illustri docenti, tutti nomi di riconosciuta statura internazionale nel mondo scientifico, e che tengono alto il prestigio italiano nel mondo, a contrappeso dell'immagine di «mondezza» e politica corrotta ormai prevalente all'estero per quanto riguarda il nostro paese. Questi studiosi sono stati infatti accusati di fatti mai avvenuti, e insolentiti con tutte le ingiurie possibili («cretini» è stato il termine più gentile usato dai maestri di tolleranza che si sono scagliati contro il diritto di critica di questi studiosi).

Né si può passare sotto silenzio il contesto in cui il monologo di Benedetto XVI si sarebbe svolto, contesto caratterizzato da due aggressive campagne scatenate dalle sue gerarchie cattoliche. Trascuriamo pure la prima, cioè i rinnovati e sistematici attacchi al cuore della scienza contemporanea, l'evoluzionismo darwiniano (bollato di «scientificità non provata» da un recente volume ratzingeriano uscito in Germania), benché il rifiuto della scienza non sia cosa irrilevante per chi dovrebbe aprire l'anno accademico della più importante università del paese.

Infinitamente più grave mi sembra la seconda, la qualifica di assassine scagliata dal Papa e dalle sue gerarchie, in un crescendo di veemenza e fanatismo, contro le donne che dolorosamente abbiano scelto di abortire. Questo sì dovrebbe risultare intollerabile. Se un gruppo di scienziati accusasse Papa Ratzinger, o solo anche il cardinal Ruini, il cardinal Bertone, il cardinal Bagnasco, di essere degli assassini, altro che lettere di scuse! E perché mai, invece, ciascuno di loro può consentirsi di calunniare come assassina, nel silenzio complice dei media e delle istituzioni, ogni donna che abbia deciso di utilizzare una legge dello Stato confermata da un referendum popolare? Se vogliono rivolgersi alle donne del loro gregge ricordando che l'aborto, anche un giorno dopo il concepimento, è un peccato mortale, e che quindi andranno all'inferno, facciano pure, proprio in base a quel «libera Chiesa in libero Stato» che il Risorgimento liberale e moderato di Cavour ci ha lasciato in eredità. Ma diffamare come assassine cittadine italiane che nessun reato hanno commesso è una enormità che non può essere passata sotto silenzio, e non sono certo il solo ad essermi domandato con amarezza perché, in quanto custode dell'unità della nazione e dunque anche delle sue radici risorgimentali, tu non abbia fatto risuonare la protesta dello Stato repubblicano.

La canea di accuse e di menzogne di questi giorni mi ha portato irresistibilmente alla memoria una piccola esperienza di oltre quarant'anni fa, nel 1966, quando - giovane universitario iscritto al Partito comunista da meno di tre anni - vissi incredulo l'esperienza di un congresso (l'XI, se non ricordo male) di un Partito che si vantava di essere sostanzialmente più libero e democratico degli altri (per questo, del resto, vi ero entrato, come milioni di italiani), in cui Pietro Ingrao, per aver moderatissimamente avanzato l'idea di un «diritto al dissenso» fu investito da una esondazione di critiche e vituperi, compresa l'accusa di essere proprio lui un intollerante!

Con una differenza sostanziale e preoccupante: che allora tale capovolgimento della realtà, versione soft ma non indolore dell'incubo orwelliano, riguardava solo un partito. Oggi investe l'intero paese, la sua intera classe politica, la quasi totalità dei suoi massmedia.

Ecco perché spero che tu voglia prestare attenzione anche all'angosciata preoccupazione di quei segmenti laici (o laicisti, come preferisce la polemica corrente) del paese, non so se maggioritari o minoritari (ma la democrazia liberale, a cui ci hai più volte richiamato, è garanzia di parola e ascolto anche per il dissenso più sparuto, fino al singolo dissidente), che ormai vengono emarginati o addirittura cancellati dalla televisione, cioè dallo strumento dominante dell'informazione, e il cui diritto alla libertà d'opinione viene di conseguenza vanificato, mentre ogni tesi oscurantista può dilagare e spadroneggiare.

Con stima, con speranza, con affetto, credimi,
tuo Paolo Flores d'Arcais"

martedì, gennaio 22, 2008

Costanzo Show: Totò Cuffaro aggredisce Giovanni Falcone

Un piccolo saggio per capire chi è Totò Cuffaro.

Cuffaro dimettiti


Firmate copiosi e numerosi per le dimissioni del nostro vergognoso presidente della regione (tutto minuscolo di proposito)
chissà che non lo si riesca almeno a farlo vergognare un pochetto

(per firmare cliccare nel banner qui accanto o seguire il link sotto)

Cuffaro Dimettiti

lunedì, gennaio 21, 2008

sabato, gennaio 19, 2008

In un mondo senza piu` vergogna.....

http://www.repubblica.it/2007/02/rubriche/bussole/minima-democrazia/minima-democrazia.html

Resto senza parole.

Cresciamo in un mondo dove certi valori, si dice, sono alla base della nostra vita e civilta`.
Per quello che vedo in giro neppure chi e` ai piu` alti livelli del potere e dovrebbe, come 'stipulato' per contratto di lavoro(!), darci aiuto ed esempio se ne stra-frega.
Apparentemente se in Italia c'e` gente che non ha lavoro, se ci sono citta` sommerse dalla 'munnizza', se la chiesa cattolica cerca di influenzare (spesso riuscendoci) la politica di un paese che si spaccia per laico e democratico...etc etc.. Beh tutto questo non sembra affatto un problema.
I politici vengono accusati, vengono trovati colpevoli, vengono condannati, e come se ne escono? Semplicemente dischiarano "Non e` vero"! O ancora meglio "i miei avvocati dicono che non e` vero e io mi fido di loro"
Porca miseria ma non lo sai da solo se hai fatto le cose delle quali ti accusano?
A proposito. Ricordo a tutti che e` ancora il nostro presidente delle regione in carica....bella Sicilia, vero?
Ma dico io....un po` di dignita`?
Vorrei tanto che tutti coloro che in questo momento fanno tutte ste porcherie, tutte le persone che li sostengono, e tutti coloro che se ne fregano perche` 'tanto e` sempre stato cosi`' possano guardarsi dentro un giorno e vedersi come li vedo io adesso.
Non gli piacera`, ne sono certa, ma perche`IO devo stare a guardare e farmi andare bene le cose cosi` come stanno ora?
Spero che si vergognino.... tanto.

Perche` credo che tante altre persone non si meritano tutto questo abominio.

giovedì, gennaio 17, 2008

Si vabbe`!!!!


Vorrei dire mille cose...ora ovviamente, come sempre, non mi vengono le parole.
Tagliando corto....
Giorno 7 Aprile ci sposiamo.
SI VABBBBEEE``````!!!!!
Ecco l'ho detto.
Ah per i malpensanti...no non sono incinta!!!!
Noi siamo fatti cosi`. Se si vuole una cosa, e la si puo` fare, beh .... perche` non farla?!
Non credo che nessuno dei due e` il tipo da aspettare un anno o piu`. Tipo le persone che mi chiamano al lavoro per prenotare matrimoni nel 2010!!! Duemiladieci!! Ma che siamo pazzi?
Mi annoierei, mi passerebbe la voglia, mi farei mille paranoie.
E` come quando ti devi tuffare. Se aspetti troppo e ti metti a "riflettere sull'universo" non risolvi nulla, anzi ti impanichi ancora di piu`.
Quindi questa e` la ragione del matrimonio che "ti ammazza nel sonno"!
Qunid ladies and gentlemen ci vediamo presto!! Ahahahah
Sorry mi viene da ridere. Sono felice.
Per ora non mi viene nient'altro.
Ihihihhi

ta dah da dah

It sounds weird, but we are doing it.
It souds so strange and everything around it is somehow surreal, daft almost.

People live on weddings, its catering, the choice for the venue.
It's normal and special at the same time.
A bit like Christmas, it's a sacred thing, but, as well as everything where money revolves around an event, it's a fair of vanities.

It's my party but it's also the fest of those who expect us to do something. It's almost everyone's say that "It's a wedding!". "Però è un matrimonio!" they said in Italy. A special moment of your life where you are not only allowed to spend a fortune in something that'll vanish quickly and be buried in memory. You're REQUIRED to do it.

I can see the shark's fin. And I'm bleeding.

And in all of this carnival. I see her. And she's there, stable and smiling as everything revolves crazily. Scared and warm she looks at me. And I can only think that of all this crazed play, she's the only sanity left. That whatever scared me out before, is now my light at the end of the tunnel.
We are the ones that will be left of all this, my love.
We will look back and laugh. We will smile and feel warm. Because there's nothing which can hold us back, except ourselves.