venerdì, giugno 30, 2006

[...] i barbari tendono a leggere solo i libri le cui istruzioni per l'uso sono date in posti che NON sono libri.
A. Baricco

/www.repubblica.it/2006/05/rubriche
/i-barbari/capitolo-undici/
capitolo-undici.html

domenica, giugno 25, 2006

Getting no sleep

And, despite all the Italian chattering about the National Team, we did it to the final phase of the table, first in one of the hardest pools with USA, Ghana and the Czechs (seconds in the FIFA ranking).
We are now in the easiest quarter of the table, and will face the surprising Aussies and eventually the
winner of Switzerland and Ukraine. I saw both teams and they seem to be not a too big deal, with probably the Swiss being more of a hassle than the easter Europeans.
Then will be time for the Real Games!
Germany or Argentina. Even if this match doesn't anymore taste of final (it was such in the 86 amd 90s World cup!) it still is a classic game and it will produce an excellent semifinalist.
On the other side of the table, Spain, Portugal, Holland, France but mainly Brazil will try to reach the final.
For what i have seen until now, it's goin to be tough for all!!!





P.S.: Juve in B

mercoledì, giugno 21, 2006

that's where I live!

I've got have the answer.
Palmy comes from Richard Scarry imagination.
I still have all the picture of this book in my mind. That's where I saw this town before.
Hope my mum didn't throw away this piece of history that still lies somewhere in the studio room at home.
Palmerston North sembra uscita dall'immaginario di Richard Scarry. E` uguale alle illustrazioni dell "Libro delle Parole", (libro che adoro e che spero Buccheri non abbia buttato via. Dovrebbe ancora essere da qualche parte nella megalibreria dello studio).
Tuttora spesso mi trovo ad osservare le cose intorno a me e a ritrovare le stesse immagini, a parte conigli e orsi vestiti rispettivamnente da panettieri e vigili urbani!
Orsetto si lava e si veste la mattina e usa 'il guanto da toletta'...ma chi cavolo ha mai usato il guanto da toletta? Per favore! Mi piaceva particoralmente la pagina con la casetta dei conigli e quella con tutte le varie attivita` della citta`. Ammetto pero` che una citta` incasinata come Catania is much more fun!

freddo

C'e` freddo, ho freddo. Dentro e fuori.....
Ho ascoltato una canzone stamattina. Mi ricordo solo un verso " ...voglio di piu` di un rapporto in salita che mi rovina la vita..."
It's cold, I'm cold. Inside and out....
I heard a song this morning. I can only remember one line "... I want more than a up hill climb relationship that ruins my life..."
Scudy

domenica, giugno 18, 2006

Rain, rain, rain, water everywhere........
and cold :(
It's a shame that in other places around the world the lack of water is such a problem.
It would be nice if all the Kiwis could take the water that falls from above and send it around to whoever needs it.
Yeah right....
Pioggia, pioggia, pioggia, acqua ovunque....
e freddo :(
E` un peccato che in altri paesi la mancanza di acqua sia un problema cosi` grande.
Sarebbe bello se tutti i Kiwi potessero raccgliere l'acqua che cade dal cielo e mandarla a chiunque ne abbia bisogno.
Restiamo cosi' ......
Scudy

giovedì, giugno 15, 2006

World cup....

Mamma mia quanto tempo...segno che sto diventando vecchia!
Questo logo fino a poco tempo fa rappresentava per me solo "la maglietta di qualche povero fallito"....insomma chi indossava piu` la maglietta Italia '90?!? Che tristezza!Che fagliume! Pero` ora ci ripenso con nostalgia..
Il mondiale di Schillaci! Baggio, Baresi e Mancini giocavano ancora....au per ricordarmelo io! Se non erro c'era anche Bergomi... a quello non lo ammazza nessuno!
Notti magiche inseguendo un gol....sotto il cielo di un' estate italianaaaa...e negli occhi tuoi voglia di vincereee... un'estate un'avventura in piuuu`...... (che canzone meravigliosa....la cantavo in campeggio con gli scout...campo estivo a Buccheri...senza riferimento alcuno!)
Piccola parentesi..io ero ancora alle elementari, e (per riprendere l'e-mail di Miky) per i morti ricevevo "fivelandia" ...ogni anno! Mi sono fermata al numero 12...il mio periodo di "cantiamo con Cristina" termino` li`.
Beh quest'anno i mondiali mi tocca vedermeli in replica (tristissimo vedere un evento sportivo che interessa in replica!) se e quando lavoro al bar che c'e` sky. Il mio Pseudo invece si sveglia presto e va a casa di amici a divertirsi. Io sinceramente gia` mi alzo alle 4:30 per lavorare...se non lavoro, con tutto il rispetto, non mi alzo mica per guardare le partite...almeno non partite "varie ed eventuali" tipo...che ne so "Trinidad e Tobago contro Sud Corea" o similari...
Visto che sono in argomento calcio un pensiero alla mia citta` che adesso e` in seria A. Bella storia!
Oh my God how long time ago...means I am getting old?!? This logo for a while represented to me just some t-shirt worn by some "hopeless/looser" that use to have that t-shirt after too many years from that event! Now I think about that world cup with a bit of nostalgia. The world cup of Schillaci! Baggio, Baresi and Mancini were still playing... if I'm not wrong Bergomi was there too...well nobody can kill him!
Little parenthesis. That period I still was at the primary school, and for "All Saints Day" I use to receive "fivelandia"...every year!! (all the songs of the cartoon in tv that season). My childhood finished with the volume 12 or so....
Well this year the World cup is something I'll be able to watch only on replay (I mean how sad to watch an event that you like on replay!) and only when I work at the bar with sky tv!
My "friend" decided to wake up early in the morning and go to watch the matches at some friends place. Actually When I'm not working (and waking up at 4:30 am) I prefere to sleep! Sorry to all the soccer lovers!
Scudy

domenica, giugno 11, 2006

filo d'argento...

In these last days I thought so much about Bari.
Have you ever experienced like a force that push you or pull you somewhere? Right now I really want to go there. I don't know why. I have no rational explanation. Maybe because I just have nice memories of the times I was there. Represent some kind of place where I am free. I have nothing but enjoy the life there. No schedules, no job, no "be there at this time". And if I want to be romantic is a city where I have bit of my roots too.
And thanks very very much to a person that is incredibly special, and transform my journey there in a fairy tale!
I have a silver hair. I know is nothing concern with Bari, but...who cares...!!!
I cried (seriously) the first time I saw it. Is in a place where you're gonna see it every time. No chance to hide it.
Well now I'm kind of trying to think about it with a philosophy attitude.
It's just one, it could be considered as a wisdom sign. I mean Socrate and Aristotele are not famous for their "pantene style" head of hair!
So...ok I'm getting old...white hair...just hope I'll be wiser.....
[it's the beginning of the end!!!]
I just wish to myself to never loose the volunty to chance my situation if I'm not happy. I don't want to accept life passively without even ask a question. And I always want to have the courage to change if I feel it, even if sounds crazy.
That is my wise thought for today.
My time to go, I hope, is coming soon....

lunedì, giugno 05, 2006

Bambini...

Un paio di giorni fa ho ricevuto una mail che mi ha fatto sciogliere il cuore (proprio come il lindor!). L'ho letta alle 4:40 del mattino prima di andare a lavorare ed e` stato davvero un buon inizio di giornata. Mi sono riconosciuta in ogni singola cosa che c'e` scritta....(la foto testimonia la tuta blu con le strisce bianche!)
Voglio solo dire a quella persona che mi ha pensato mandandomi quella mail che mi manca tanto!
Lo scopo di questa missiva é quello di rendere giustizia a una generazione,
quella di noi nati negli anni '80 (anno più, anno meno), quelli che vedono
la casa acquistata allora dai nostri genitori valere oggi 20 o 30 volte
tanto, e che pagheranno la propria fino ai 50 anni. Noi non abbiamo fatto la
Guerra, né abbiamo visto lo sbarco sulla luna, non abbiamo vissuto gli anni
di piombo, né abbiamo votato il referendum per l'aborto e la nostra memoria
storica comincia coi Mondiali di Italia '90. Per non aver vissuto
direttamente il '68 ci dicono che non abbiamo ideali, mentre ne sappiamo di
politica più di quanto credono e più di quanto sapranno mai i nostri
fratelli minori e discendenti. Babbo Natale non sempre ci portava ciò che
chiedevamo, però ci sentivamo dire, e lo sentiamo ancora, che abbiamo avuto
tutto, nonostante quelli che sono venuti dopo di noi sì che hanno avuto
tutto, e nessuno glielo dice. Siamo l'ultima generazione che ha imparato a
giocare con le biglie, a saltare la
corda, a giocare a lupo, a un-due-tre-stella, e allo stesso tempo i primi ad
aver giocato coi videogiochi, ad essere andati ai parchi di divertimento o
aver visto i cartoni animati a colori. Abbiamo indossato pantaloni a
campana, a sigaretta, a zampa di elefante e con la cucitura storta; la
nostra prima tuta è stata blu con bande bianche sulle maniche e le nostre
prime scarpe da ginnastica di marca le abbiamo avute dopo i 10 anni.
Andavamo a scuola quando il 1 novembre era il giorno dei Santi e non
Halloween, quando ancora si veniva bocciati, siamo stai gli ultimi a fare la
Maturità vera e l'università seria...
Siamo stati etichettati come Generazione X e
abbiamo dovuto sorbirci Sentieri e i Visitors, Twin Peaks e Beverly Hills
(ti piacquero allora, vai a rivederli adesso, vedrai che delusione). Abbiamo
pianto per Candy-Candy, ci siamo innamorate dei fratelli di Georgie, abbiamo
riso con Spank, ballato con Heather Parisi, cantato con Cristina D'Avena e
imparato la mitologia greca con Pollon. Siamo una generazione che ha visto
Maradona fare campagne contro la droga. Siamo i primi ad essere entrati nel
mondo del lavoro come .co e quelli per cui non gli costa niente
licenziarci. Ci ricordano sempre fatti accaduti prima che nascessimo, come
se non avessimo vissuto essun avvenimento storico. Abbiamo imparato che
cos'è il terrorismo, bbiamo visto cadere il muro di Berlino, e Clinton avere
relazioni improprie con la segretaria nella Stanza Ovale; siamo state le più
giovani vittime di Cernobyl; quelli della nostra generazione l'hanno fatta
la guerra (Kosovo, Afghanistan, Iraq, ecc.); abbiamo gridato NO NATO, fuori
le basi dall'Italia, senza sapere molto bene cosa significasse, per poi
capirlo di colpo un 11 di settembre. Abbiamo imparato a programmare un
videoregistratore prima di chiunque altro, abbiamo giocato a Pac-Man, odiamo
Bill Gates e credevamo che internet sarebbe stato un mondo libero. Siamo la
generazione di Bim Bum Bam, di
Clementina-e-il-Piccolo-Mugnaio-Bianco e del Drive-in. Siamo la generazione
che andò al cinema a vedere i film di Bud Spencer e Terence Hill. Quelli
cresciuti ascoltando gli Europe e Nik Kamen, e gli ultimi a usare dei
gettoni del telefono. Ci siamo emozionati con Superman, ET o Alla Ricerca
dell'Arca Perduta. Bevevamo il Billy e mangiavamo le Big Bubble, ma neanche
le Hubba Bubba erano male; al supermercato le cassiere ci davano le
caramelline di zucchero come resto. Siamo la generazione di Crystal Ball
("con Crystal Ball ci puoi giocare..."), delle sorprese del Mulino Bianco,
dei mattoncini Lego a forma di mattoncino, dei Puffi, i Volutrons, Magnum
P.I., Holly e Benji, Mimì Ayuara, l'Incredibile Hulk, Poochie,Yattaman,
Iridella, He-Man, Lamù, Creamy, Kiss Me Licia, i Barbapapà, i Mini-Pony, le
Micro-Machine, Big Jim e la casa di Barbie di cartone ma con l'ascensore. La
generazione che ancora si chiede se Mila e Shiro alla fine vanno insieme.
La generazione che non ricorda l'Italia Mondiale '82, e che ci viene un riso
smorzato quando ci vogliono dare a bere che l'Italia di quest'anno è la
favorita...L'ultima generazione a vedere il proprio padre caricare il
portapacchi della
macchina all'inverosimile per andare in vacanza 15 giorni. L'ultima
generazione degli spinelli...
Guardandoci indietro è dfficile credere che siamo ancora vivi: viaggiavamo
in macchina senza cinture, senza seggiolini speciali e senza air-bag;
facevamo viaggi di 10-12 ore e non soffrivamo di sindrome da classe turista.
Non avevamo porte con protezioni, andavamo in bicicletta senza casco né
protezioni per le ginocchia o i gomiti. Le altalene erano di ferro con gli
spigoli vivi e il gioco delle penitenze era bestiale. Non c'erano i
cellulari. Andavamo a scuola carichi di libri e quaderni, tutti infilati in
una cartella che raramente aveva gli spallacci imbottiti, e tanto meno le
rotelle!! Magiavamo dolci e bevevamo bibite, ma non eravamo obesi. Al limite
uno era grasso e fine. Ci attaccavamo alla stessa bottiglia per bere e
nessuno si è mai infettato. Ci trasmettevamo solo i pidocchi a scuola, cosa
che le nostre madri sistemavamo lavandoci la testa con l'aceto.Non avevamo
Playstation, Nintendo 64, videogiochi, 99 canali televisivi, dolby-surround,
cellulari, computer e Internet, però ce la spassavamo tirandoci gavettoni e
rotolandoci per terra tirando su di tutto; bevevamo l'acqua direttamente
dalle fontane dei parchi, acqua non imbottigliata, che bevono anche i cani!
E le ragazze si intortavano inseguendole per toccar loro ils edere e
giocando al gioco della bottiglia o a quello della verità, non in una chat
dicendo :) :D :P Abbiamo avuto libertà, fallimenti, successi e
responsabilità e abbiamo imparato a crescere con tutto ciò.Tu sei uno dei
nostri? Congratulazioni! Invia questo a tutti coloro che hanno avuto la
fortuna di crescere come bambini.
I'm very sorry I didn't translate this post. It's basically an e-mail I received from a friend of mine talking of all the things that were characteristic of our childhood. I recognise myself in every single sentence, and I truly believe that is the perfect description of my generation. (Kimboz didn't appreciate it so much like I did...of course...he's not born in the 80! He would rather find this appealing)
Promise one day I'll translate trying to let other people understand ,not Italian and even not born in the 80, what was so magic about that years.
; ) scudy


sabato, giugno 03, 2006

Il Ballo di S. Vito

Il Ballo di S. Vito (Dance of S. Vito, also known as Sydenham's corea) is a disease which strikes the victim with unvoluntary, fast movements. The impossible task of stillness.
Vinicio Capossela, a great Italian musician and composer, associates it with the impossbility of staying still, with his own restlessness, the constant need to move away.
Apparently the young Vinicio hometown priest once told him that "no moss grows on the rolling stone", marking his life and anticipating what his travelling gipsy life would have been.
So we are.
Gipsies, choosing for ourselves the doom not to stay, to move around, seeking for relief.
Here we are, as far as we could get from the motherland, far from everything, so that we can regret things we miss.
Travelling to open our minds, to enlighten our souls, but eager to fill our bellies back with the delicatessen we used to at home.


I feel whole and complete.
I could travel my whole life with no place to call home.
I found my home, it is You.
I found my land, it lies in your skin, your flesh, your curve profile.
It stays in the smell of your sleeping body.
Reflects the light with your gleaming eyes. When they look at me and speak of [what you know].
I only hope I will not try to escape this land.
That restlessness won't take me away.
For I can't be sure of this, ever.


But I [what you know]
Gni

venerdì, giugno 02, 2006

No comment

Trento, 1 giu. - (Adnkronos) - Renato Bonapace, 65 anni, pensionato, e' stato trovato morto nella sua casa di Preore, in provincia di Trento; era deceduto ormai da una decina di giorni e nessuno se ne era accorto. L'uomo, rimasto vedovo la scorsa estate e con due figli, Andrea e Donatella che vivono nel capoluogo.
Non e` la prima e non sara` certo l'ultima volta che una cosa simile succede.
Pero` ogni volta mi mette una tristezza immensa. Per un milione di motivi.
Per paura che un giorno saro` io a trovarmi sola e qualcuno mi trovera`dopo giorni.
Per rabbia, perche` non capisco come possa accadere che "non ti accorgi" che qualcuno non c'e` piu`. E mi sembra allucinante che gli altri continuano a vivere come se niente fosse, e "chi se ne frega".
Per senso di colpa.
So solo che domani nessuno piu` (me compresa) si ricordera` di quest'uomo ma continueremo a sapere e a tenerci incredibilmente informati ed aggiornati su tutte le min*%#@! piu` stupide che si possano immaginare.
Mi dispiace.
Is not the first, and for sure is not gonna be the last time something like that happen [an old man was found dead in his house after 10 days....well yes no one notice that and his son and daughter live in the same county...!!!].
But every time I am very sad.For million different reasons.
Because I am scared that one day I'll be alone and someone is gonna find me dead after days.
Because I am angry, and I do not understand how can happen that you "just don't notice" that somebody is dead. And I think is crazy that everybody just keep living like nothing happened and "who cares"...
Because I feel guilty.
I know that tomorrow nobody ( me included) will remember this man, but we'll continue to know and to be incredibly informed on all the most incredible and stupid bullsh*#@.
I'm just sorry.

giovedì, giugno 01, 2006

If only.....

In these days I feel like this paint...apparently a huge mess.
I think deep inside all the elements are there, and if you are able to look properly you'll find everything and you'll think all the others are blind!
I think that I've got all the answers but at the moment I'm the blind one...how frustrating.
(thanks to Mr Kandinsky for allowing me to use his art to describe some of my silly feelings...well yes I know..he actually didn't allow it...but like if he did!)
If only I was like Johnny Bravo, I mean how cool....

scudy