mercoledì, febbraio 08, 2006

Ho appena visto "Billy Elliot" e da un po' di tempo a questa parte mi rendo conto di quanto sono sentimentale quando guardo film che parlano di uomini. Mi rendo conto di essere sensibile, a volte tanto da sorprendere me stesso.
E' come so bene, e' un lascito. Qualcosa che mi manca ancora. Un'ombra che rimane dopo tanto tempo, come le macchie che, appena percettibili, rimangono su alcuni vestiti, per quanto li si lavi e rilavi, sempre appena un po' diverse dal colore di sfondo. Anche se cresco, anche se sono sempre piu' sicuro e adulto, in una corsa che sembra essere arrivata ogni giorno alla fine e invece mai s'arresta, anche se maturo sempre per piccoli, inesorabili passetti, pare che la sensazione di avere lasciato qualcosa di incompiuto tra me e mio padre non si arresti mai.
E piu' le persone mi ricordano quanto gli somiglio al passare del tempo, piu' forte e' questa sensazione. Le sue parole risalgono sempre, nei momenti adatti, o meno adatti.
Non come nei film, le parole della memoria non risanano situazioni dubbie o momenti critici. Capitano invece quasi a caso, con torpida leggerezza, in momenti di relax e di piacere, e risucchiano tutta la mia attenzione.
Molte cose sono rimaste in sospeso. Molte parole, gesti, sempre in attesa di una spiegazione. Molti ancora non ne hanno mai avuto bisogno, finche' improvvisamente, a volte, viene pressante la necessita' di avere, di nuovo, una voce capace di dare un perche' a tutto. Di assumersi la responsabilita' di dare un senso a tutto quello che abbiamo vicino e pare non averne.
Ultimamente sento le mie paure risuonare con un'altra voce, le mie giustificazioni sovrapporsi a quelle che gia' ho sentito a volte nella sua, di voce. Rifugio tenero e schermo di chi queste giustificazioni le usava per difendere il proprio privato. Una sensazione costante di inadeguatezza.
Ancora voci, come se la mia voce fosse costantemente doppiata dalla sua.
Eppure io sono diverso, un altro. Sono io ma anche legato per sempre. Agganciato a me stesso e alla mia immagine allo specchio. Immagine diversa da me ma pur sempre la mia.
In questi ultimi giorni piu' volte sono successe cose che avrebbero richiesto piu' coraggio da parte mia, piu' disponibilita'.
Per due volte sono rimasto di qua da una barricata semplice, fatta di distanza.
Vorrei stringervi, voi che siete lontani e vorrei potervi abbracciare. Tre persone che non nomino ma che mi sono cosi' vicine. Che non posso abbracciare. E che non riesco a chiamare perche' troppo difficile e' dire con le parole che mi spiace, che vorrei essere li' con loro.
Loro capiranno, credo. Gli risparmio di raccontarmi una volta ancora cio' che gli accade, come avranno dovuto fare troppe volte in questi giorni.
A voi, che siete troppo lontani perche' io possa abbracciarvi mentre le cose vanno male.
A voi mando questo omaggio inutile, per farvi sapere che sono un poco la' con voi.
Andrea

3 Commenti:

Blogger rosanna ha detto...

vorrei non essere così stanca per scrivere pensieri importanti, emozioni profonde, cose che restano. Sei straordinario, l'ho sempre pensato. Anche nelle situazioni irrisolte, nelle cose non dette, negli spazi di incertezza. Non capisco molti riferimenti e non sono certo tra i destinatari degli abbracci, ma vorrei che sentissi il mio con tutta la sua forza e la vivezza di un'amicizia inalterabile dal tempo e dalla distanza. Il ricordo dei tuoi occhi brillanti e del tuo curioso stupore del mondo mi sono sempre vicini e mi scuotono dalle ricorrenti perplessità del futuro e di me stessa. tvb

11:08 PM  
Blogger Schwelmo ha detto...

Well I can see you look like ya da but I havent seen you dancing like Billy Elliot.

11:29 PM  
Anonymous Fiore, Taglio, Tinez. ha detto...

Vogliamo piu' foto di te da piccolo!!!

Hai mantenuto le proporzioni: specie del pipino!

Avo regaz Kimbort

P.S. Siamo andati la settimana scorsa (mappa alla mano del Tinez) muniti di vanga e metaldetector di un amico del Flo e dopo 7 ore di scavi abbiamo dissotterrato il DOM. Lacrime del Tinez quando messa dentro la pila si è illuminato Stuka. C'e' un nuovo record che devi battere appena torni!

9:00 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page